Categorie

I più venduti

Marchi

Our stores

Our stores

Laezza opera con successo da oltre cento anni nel settore della vendita e della distribuzione di articoli e arredamenti medicali e sanitari e forniture mediche

Coronavirus: il caso Vercelli mostra come funziona la catena dei contagi.

Coronavirus: il caso Vercelli mostra come funziona la catena dei contagi.

Coronavirus: il caso Vercelli mostra come funziona la catena dei contagi.

126 contagiati dal Covid 19 da un unico soggetto (inconsapevole).

Il racconto ai media lo fa direttamente l' epidemiologo piemontese che ha analizzato l' incredibile caso di un immigrato dominicano rientrato in Italia su un volo sul quale era presente un caso positivo al virus Sars Cov 2.
Il Ministero della Salute fa la segnalazione ma il dominicano, non informato o non contattato direttamente (e qui c'è l' anello debole di tutta la catena) ricomincia a fare la sua solita vita in quel di Vercelli, in Piemonte.

E così, portando con se il Covid 19, il 18 Luglio si reca tranquillamente in piscina dove incontra, e contagia, due amici. I ragazzi, dipendenti di una locale ditta di logistica, infettano, inconsapevoli a loro volta, 33 colleghi e questi, a loro volta, 8 parenti.

Pochi giorni dopo si concede un po' di svago in discoteca!
Viene contagiato il titolare del locale e 58 persone tra clienti e dipendenti della discoteca i quali, a loro volta, infettano 15 familiari.
Una delle 58 persone divenute positive al virus in discoteca, partecipa ad un funerale agli inizi di Agosto e in quell' occasione contagia altre 6 persone.

Questo è il percorso che si è riusciti a monitorare ma salta facilmente all'occhio come il bilancio possa essere senza dubbio più pesante considerata la velocità e semplicità con cui il Covid avanza tra persone spesso asintomatiche ed inconsapevoli.

La rete dei controlli è sicuramente sotto accusa, così come la mancanza di contatti e comunicazioni, ad esempio, tra Ministero, Asl di competenza e compagnie aeree.

La strada vincente, per quanto nulla ci ripara in maniera totale e sicura al 100%, resta quella della protezione con uso dei DPI (mascherine di protezione), effettuazione di test rapidi covid 19 e tamponi, distanziamento sociale e tanto, tantissimo buon senso senza il quale non c'è protezione o DPCM, che tenga.

Lascia un commento

* Nome:
* E-mail: (Non verrà reso pubblico)
* Commento: