Categorie

Our stores

Our stores

Laezza opera con successo da oltre cento anni nel settore della vendita e della distribuzione di articoli e arredamenti medicali e sanitari e forniture mediche

Laezza

La salute dell'apparato respiratorio. Parliamo di “Spirometria”

La salute dell'apparato respiratorio. Parliamo di “Spirometria”

La spirometria è un esame semplice che si esegue per mezzo di apparecchi chiamati spirometri che consentono di verificare lo stato di salute dell'apparato respiratorio.
L'esame, chiamato spirometria, è assolutamente indolore e si esegue semplicemente espirando con forza in un boccaglio, previa inalazione, e avendo cura di avere il naso ostruito.

A cosa serve la spirometria?

La spirometria può aiutarci a rispondere ad importanti quesiti clinici: la dispnea del paziente è di origine polmonare o cardiaca? Il paziente con tosse cronica può avere un asma bronchiale? L’obesità del paziente può condizionare la funzionalità polmonare? La dispnea del paziente può essere causata da un’alterazione dei muscoli respiratori? Qual è il rischio chirurgico? Il trattamento farmacologico è di aiuto al paziente?

Con la spirometria da sola, tuttavia, non è possibile effettuare diagnosi di patologie quali, ad esempio, la fibrosi polmonare o l’enfisema. I risultati dell’esame devono sempre essere valutati alla luce della storia personale del paziente, dell’esame obiettivo, talvolta della Radiografia o della TC del torace. In alcuni casi è comunque talmente caratteristica da permetterci di formulare una diagnosi precisa (ad esempio nel caso delle patologie tracheali o delle alte vie respiratorie).

I risultati della spirometria

Dalla spirometria possono essenzialmente emergere due tipi di alterazioni: un deficit ventilatorio ostruttivo, in cui l’ostruzione bronchiale determina una riduzione dell’aria emessa durante l’espirazione forzata e conseguente intrappolamento d’aria nei polmoni, è quello che vediamo ad esempio nei pazienti asmatici o nei bronchitici cronici; un deficit ventilatorio di tipo restrittivo in cui l’aria emessa è ridotta ma in cui la causa è da ricercarsi al di là dell’albero bronchiale, è il caso della fibrosi polmonare, ma anche delle patologie neuromuscolari o dell’obesità.

Oltre che per la diagnosi, il test potrà essere eseguito per valutare l’evoluzione delle patologie diagnosticate.

Lascia un commento

* Nome:
* E-mail: (Non verrà reso pubblico)
* Commento: